• Toyota, in sinergia con Retake, ha inaugurato a Salerno “Aria a Colori”, un murales realizzato nell’ambito della WeHybrid Race, che sarà realizzato in via Michele Iannicelli, 6.
  • L’opera è in grado di purificare l’aria nella zona circostante, con effetti benefici equiparabili a quelli di un’area verde.

Toyota celebra oggi a Salerno un nuovo capitolo di arte e sostenibilità con l’inaugurazione del murales “Aria a Colori”, iniziativa realizzata nell’ambito della WeHybrid Race. Lo fa con una creazione che segna un punto di incontro tra bellezza estetica e innovazione ambientale. Grazie alla sua vernice mangia smog, l’opera – situata in via Michele Iannicelli 6 – non solo impreziosisce e rivitalizza lo spazio urbano, ma contribuisce attivamente a purificare l’aria della città, emulando i benefici naturali di un’area verde.

L’iniziativa ‘Aria a Colori’ nasce dall’entusiasmo e dall’impegno dei clienti Toyota coinvolti nella WeHybrid Race. Questa competizione amichevole ha incoraggiato i partecipanti a percorrere chilometri in modalità elettrica ed impegnarsi in un percorso di mobilità più responsabile, culminando nella realizzazione di questa straordinaria opera d’arte urbana realizzata in collaborazione con Retake, un’organizzazione profondamente impegnata nella tutela e valorizzazione dei beni comuni.

Riflettendo l’innovazione e l’impegno di Toyota nel campo della sostenibilità, WeHybrid Race è l’ultima novità del mondo WeHybrid, l’insieme di servizi e tecnologie Toyota che pongono il cliente al centro di un viaggio verso una mobilità sempre più sostenibile. Grazie all’innovativa tecnologia Full Hybrid e Plug-In Hybrid, WeHybrid motiva a una guida più responsabile, portando vantaggi tangibili: più il cliente viaggia in modalità elettrica, a zero emissioni, maggiori sono i benefici ai quali può accedere (riduzione dei costi di assicurazione, manutenzione e crediti green da poter spendere sulla piattaforma Kinto GO)

Il programma è una dimostrazione concreta dell’orientamento di Toyota verso un futuro migliore in linea con la sua strategia globale ‘Let’s Go Beyond’. Questa direzione va oltre il semplice obiettivo di ridurre le emissioni, puntando a realizzare una mobilità che sia più sostenibile, inclusiva e accessibile a tutti.

L’iniziativa “Aria a Colori” ha fatto il suo debutto a Salerno dopo le esperienze positive già sperimentate a Bari e Arezzo, e si prepara a raggiungere altre città italiane come Milano, Bologna, Padova e Roma, segnando un passo importante nella trasformazione degli spazi urbani in luoghi più vivibili e sostenibili.

Questa pomeriggio ha avuto luogo l’inaugurazione ufficiale del progetto alla presenza di Nicola Barbato della concessionaria Toyota di Salerno e di Dario Renda, referente Retake di Salerno.

Nicola Barbato, Dealer Operator di Center S.r.l, concessionario Toyota per l’area di Salerno, ha dichiarato: “Siamo entusiasti di partecipare all’inaugurazione di ‘Aria a Colori’, un progetto importante per la nostra Città che riflette la nostra dedizione a una mobilità e a una vita urbana sostenibili e responsabili. Come rappresentanti Toyota, ci impegniamo a essere i portavoce dei valori del gruppo, promuovendo un cambiamento positivo nei nostri territori. La visione Let’s Go Beyond di Toyota ci guida nell’offrire esperienze memorabili ai nostri clienti, proponendo un servizio di alta qualità e accompagnandoli verso scelte responsabili, per un impatto benefico e duraturo sulla società e l’ambiente”.

Dario Renda, referente Retake di Salerno ha dichiarato: “L’Opera realizzata a Salerno è un forte plusvalore per la nostra città e voglio ringraziare Toyota per l’impegno profuso in questo progetto, la Fondazione Retake Italia per aver scelto la nostra città come destinataria di quest’opera e un grande grazie agli amici, artisti internazionali Peppe Amed e Stefano Mcnenya, di cui si possono ammirare opere in diverse parti d’Europa, che finalmente hanno potuto lasciare il loro segno artistico nella loro città. Sono davvero soddisfatto del lavoro realizzato e spero che sia il primo passo verso una grande rigenerazione della mia splendida città.”

PROGETTO “ARIA A COLORI”: Il Progetto Aria a colori nasce con l’obiettivo di dare un contributo al miglioramento la qualità dell’aria delle nostre città grazie alla realizzazione di murales con speciali vernici fotocatalitiche mangia smog, pitture totalmente minerali e inodore che riducono l’inquinamento urbano, neutralizzando le sostanze chimiche nocive come gli NOx rilasciate nell’ambiente: 100 mq di murales offrono lo stesso effetto purificante di 100 mq di bosco.

 

GREEN REVOLUTIONS – L’opera è un vibrante manifesto visivo che celebra il potere dell’umanità nel plasmare il futuro del pianeta. Al centro dell’opera, due maestose mani emergono, sostenendo con cura una sfera di cristallo che racchiude al suo interno una lussureggiante vegetazione sostenibile. Avvolgendo la sfera, una grande foglia simboleggia la natura e la sua interconnessione con l’ecosistema terrestre. Gli effetti grafici e cromatici giocano con il movimento e la profondità, mentre cerchi di tonalità calde danzano attorno alla sfera, evocando l’armoniosa danza degli astri nell’universo. Quest’opera incarna il potere della collaborazione umana e l’importanza di prendere azioni concrete per garantire un futuro sostenibile per le generazioni a venire.

Artisti: Stefano Santoro (McNenya) e Giuseppe de Martino (Amed)

 

McNenya (Stefano Santoro)

Classe 1984 di Salerno, è autodidatta e cresce artisticamente in strada iniziando ad appassionarsi alla spray art a partire dai 13 anni. Il percorso artistico è in continua evoluzione, negli anni sono stati toccati differenti stili dal figuratismo urbano all’utilizzo dell’anamorfismo fino ad arrivare ad uno stile più grafico ed essenziale. Il filo conduttore che ispirano le opere sono sempre da ritrovarsi in tutto ciò di vivente che circonda l’artista ma senza mai rappresentare perfettamente la realtà osservata..

Dal 2021 crea L OpenLAB a Baronissi(SA), il proprio laboratorio e spazio espositivo associativo il quale è diventato anche un punto di incontro e confronto tra vari artisti della scena artistica urbana sia italiani che esteri. A marzo del  2022 si reca sul confine Ucraino eseguendo un opera dedicata alla Pace tra popoli.

 

Amed (Giuseppe De Martino)

Nato a Salerno li 24 dicembre del 1992, frequenta il Liceo Artistico A. Sabatini di Salerno e 2011 continua gli studi all’Accademia di Belle Arti di Napoli.Ispirato dalla cultura underground, nel 2008 si avvicina al mondo dei graffiti.

In sinergia con i suoi studi accademici, inizia a fondere gusto e tecnica, al fine di ricercare e protendere verso nuove soluzioni stilistiche da introdurre nell’arte urbana contemporanea. Nel 2016 collabora con Warner Bros Italia, curando l’aspetto scenografico del film “I Peggiori”, così come farà per Sky Atlantic in “Gomorra 3″.